Guida all'acquisto di un visore VR online

guida shopping dispositivi per la realta virtuale

Pensate che ormai tutto sia stato inventato in questo mondo? Forse è vero, forse no. Nel dubbio, c’è chi ha inventato un mondo virtuale, o meglio, una realtà virtuale.

A dire il vero si parla di questo argomento già da qualche tempo, ma è grazie allo sviluppo tecnologico degli ultimissimi anni che è stato possibile arrivare allo stato attuale del mercato.

Visualizzare ed interagire con una realtà virtuale è possibile grazie a degli appositi dispositivi, più o meno tecnologicamente avanzati.

Di questi dispositivi ce ne sono già diversi in commercio e molti ne arriveranno nei prossimi anni, trattandosi di un business che tocca moltissimi settori e che – se utilizzato intelligentemente – può portare a dei vantaggi concreti per tutti.

Ci sono dispositivi di realtà virtuale più sofisticati ed altri meno impegnativi, per chi vuole sperimentare questa nuova frontiera dell’intrattenimento senza spendere una fortuna.

Elementi principali di un visore VR

Prima di acquistare un dispositivo per la realtà virtuale è bene conoscere come funzionano e quali sono gli elementi più importanti che li compongono.

  • Giroscopio e accelerometro: I dispositivi di realtà virtuale sfruttano giroscopi e accelerometri che permettono, girando la testa a proprio piacimento, di esplorare ciò che vi circonda in un ambiente simulato. In questo modo è possibile visitare in prima persona una nota meta turistica come, ad esempio, Piazza San Pietro a Roma, o gli interni del castello di Sissi a Vienna, pur rimanendo nel proprio salotto di casa.
  • Audio: solamente visualizzando un ambiente, in maniera distaccata, non ci si sentirebbe totalmente immedesimati nella scena. Per questo alcuni dispositivi di realtà virtuale comprendono anche delle cuffie, con cui immergersi completamente nella simulazione e non distrarsi con rumori della vita reale che vi circonda.
  • Comandi: alcuni dispositivi mettono a disposizione anche degli appositi comandi o “joystick” per interagire con l’ambientazione virtuale. Un ulteriore passo verso il realismo più assoluto.
  • Feedback tattile: un’ulteriore tecnologia finalizzata ad incrementare il realismo di questi dispositivi è il feedback tattile. Attrezzandosi con guanti o tute speciali è possibile sentire e “toccare” oggetti virtuali.
  • Sensori: alcuni device permettono di girare l’angolo di visualizzazione si, ma rimanendo comunque in una posizione statica. I dispositivi più avanzati, invece, includono dei sensori che monitorano la posizione dell’utente e sono in grado di percepire gli spostamenti: così si può anche girovagare per l’ambiente virtuale ed avere un’esperienza ancora più coinvolgente!

Leggi anche:

Come scegliere un visore VR

In linea generale possiamo suddividere i visori VR in due diverse tipologie:

  • Periferiche per PC: questa tipologia di dispositivi non funziona autonomamente ma necessita di essere collegata ad un computer o una console gaming, il quale genera l’ambiente virtuale. Il collegamento avviene tramite cavo HDMI oppure USB.
  • Dispositivi per smartphone: i dispositivi di questa categoria, invece, possono funzionare in modo autonomo senza dover essere collegati ad un computer. Devono comunque essere collegati ad un dispositivo che in questo caso è uno smartphone.

Per poter orientarsi nella scelta di un dispositivo per la realtà virtuale si deve fare attenzione a semplici caratteristiche:

Il display è uno dei fattori cruciali. Non solo la risoluzione – più alta è e migliore sarà la visualizzazione, chiaro – ma bisogna fare attenzione anche alla latenza e alla stabilità del display altrimenti si potrebbero avere degli sgraditi effetti nauseanti.

I display di tipo OLED sono il top per questo tipo di accessori.

Se si ha intenzione di indossare per molto tempo questi device la comodità è un fattore importante da considerare. Un dispositivo leggero, con imbottiture e con meno fili possibili consentirà maggiore libertà di movimento.

La disponibilità di giochi ed applicazioni è, infine, un’altra cosa che si dovrebbe valutare. Cosa ve ne fareste di un potente e comodo dispositivo se si potesse utilizzare solo con un paio di applicazioni? In questo caso i visori che funzionano con gli smartphone non hanno di questi problemi.

Quali sono i Visori VR più venduti?

Attualmente si trovano in commercio diversi modelli di dispositivi per la realtà virtuale, sia per chi vuole solo “giocherellare” un po’, sia per chi desidera immergersi realmente in un ambiente virtuale e farlo in maniera seria e coinvolgente al massimo. Nei migliori negozi di elettronica online e nei megastore si trovano tantissimi modelli diversi, di ogni tipologia e fascia di prezzo.

Google Cardboard VR

Per chi è alle prime esperienze con dispositivi per la realtà virtuale e non ha intenzione di spendere una fortuna può optare per i Google Cardboard VR, che sono realizzati in cartone o plastica ed è necessario un piccolo esborso, dai 5 ai 30 euro, per iniziare a giocarci. Questi prodotti funzionano semplicemente inserendo lo smartphone nell’apposita tasca del visore.

Le lenti incorporate faranno il resto. Si tratta in sostanza di un paio di grossi occhiali, realizzato in materiale economico.

Samsung Gear VR

Per vivere un’esperienza più profonda si può optare per Samsung Gear VR, un visore per la realtà virtuale realizzato per gli smartphone Samsung della serie Galaxy. Da un lato l’imbottitura gli consente una comoda calzata, dall’altro i tre sensori – Accelerometro, Giroscopio e Sensore di prossimità – permettono di godere di un realismo assoluto.

PlayStation VR

Se si è disposti ad investire qualche centinaio di euro in più, invece, si possono trovare alcuni prodotti che permettono di vivere un’esperienza molto più coinvolgente. Un esempio? PlayStation VR: un visore per la realtà virtuale realizzato per la console di gioco PlayStation 4. Si tratta quindi di un dispositivo adatto per gli amanti del gaming, con PlayStation VR è anche possibile interagire con il mondo virtuale utilizzando i joystick della PlayStation 4.

E’ il sogno di ogni appassionato di videogiochi, il display è uno dei migliori nel mercato dal punto di vista qualitativo: si tratta infatti di uno schermo OLED con risoluzione Full HD di 1920 x 1080p.

Avegant Glyph

Un altro device degno di nota è Glyph, prodotto dalla società Avegant. Glyph è un curioso ed esteticamente singolare dispositivo che combina cuffie e display per un’immersione totale nella realtà virtuale. All’apparenza può sembrare un grosso paio di cuffie, proprio per questo è molto comodo e pratico da portare sempre con sé.

Si può collegare sia allo smartphone che al PC. Il display ha una risoluzione di 1280x720p per occhio, l’unica pecca di questo dispositivo è il campo visivo di soli 45°.

Oculus Rift

Tra i dispositivi top di gamma non si può non menzionare Oculus Rift, un dispositivo per la realtà virtuale che consente di provare la vera emozione di immergersi ed interagire con un mondo parallelo. Il dispositivo deve essere collegato ad un computer con sistema operativo Windows per funzionare.

Estrema comodità della visiera e qualità del display sono tra le caratteristiche di Oculus Rift. Il display, appunto, è preciso e caratterizzato da un bassa latenza, questo permette di avere la sensazione di visualizzare una scena vera. Ad aumentare ulteriormente il realismo sono gli auricolari incorporati e il sensore da piazzare di fronte a sé, che ha il compito di tracciare tutti i movimenti.

Oculus propone anche diversi gadget tra cui dei comandi – gli Oculus Touch – con i quali è possibile interagire con l’ambientazione virtuale. E’ possibile utilizzare anche il joystick dell’Xbox.

HTC Vive

Per chi vuole ottenere il massimo, e non bada a spese per farlo, può optare per HTC Vive.
HTC Vive è un dispositivo per la realtà virtuale completo di visiera, due controller wireless e due basi di rilevazione del movimento.
La visiera è comoda e stabile grazie ad una struttura a “caschetto” che la mantiene sempre nella corretta posizione. I 32 sensori consentono una precisione estrema, con un monitoraggio del movimento a 360° catturato dalle due apposite basi in dotazione.

Inoltre, la visiera è dotata di una videocamera frontale che permette di visualizzare gli elementi del mondo reale… nel mondo virtuale.

Il display è tra i top di gamma, con 90 Hz e una risoluzione di 2160 x 1200p.

Ti possono interessare:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo e-mail non verrà pubblicato
i campi contrassegnati con * sono obbligatori

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*