Guida alla videosorveglianza wireless

videosorveglianza-wireless

Come scegliere un dispositivo di videosorveglianza wireless

L’unico posto dove ci si sente davvero a casa, è proprio a casa. Il calore e la sensazione di relax che troviamo nel nostro ambiente domestico sono insostituibili e proprio per questa ragione tendiamo a fare di tutto per rendere la nostra casa più sicura.
Tuttavia, può succedere che la nostra dimora possa essere violata e quello che ci resta, oltre ai danni materiali, è una terribile sensazione di disagio. Anche il lavoro può essere minato dall’intrusione di estranei nella nostra attività e se il disagio non è lo stesso, i danni materiali possono essere anche peggiori.

Inferriate, porte blindate e sistemi dall’allarme sono il primo passo per la protezione della casa ma avere un sistema di videosorveglianza può significare avere una sicurezza in più.
Il problema della sorveglianza, così come della videosorveglianza  sono innanzitutto i costi. Inoltre, installare un sistema di questo tipo significa riempire la casa di antiestetici cavi e dover aggiungere alle spese iniziali, installazione e manutenzione.

L’innovazione della videosorveglianza wireless

Negli ultimi tempi però,  si stanno diffondendo i nuovi sistemi di videosorveglianza  wireless, un modo sostenibile ed efficiente per tenere sotto controllo abitazioni, uffici, attività commerciali, capannoni industriali e altri locali. Il vantaggio risiede soprattutto nel fatto che ormai quasi tutte le case sono dotate di una connessione wireless e questo permette di abbattere i costi d’istallazione e della manutenzione,  e di installare il sistema autonomamente.

This is custom heading element with Google Fonts

I Kit di Videosorveglianza Wireless possono rispondere a diverse esigenze e di conseguenza possono essere costituiti  svariati elementi tra cui:

  • una o più telecamere,
  • un’app per smartphone e tablet,
  • un monitor,
  • un registratore,
  • un telecomando,
  • un microfono.

Una volta stabilito l’utilizzo del sistema di sorveglianza sarà possibile combinare i vari dispositivi per ottenere il migliore impianto adatto alle proprie necessità.

Come funziona?

Il funzionamento è piuttosto semplice, infatti, è sufficiente posizionare la telecamere in un punto panoramico della casa e scaricare l’app dallo store del vostro smartphone, tablet o pc. Una volta aperta l’applicazione sarà possibile vedere in tempo reale quello che succede in casa e gestire le varie funzioni che offre la telecamera.

Tutto sistema si appoggia alla connessione wireless di casa e l’app funziona in qualsiasi posto, è sufficiente infatti essere connessi tramite 3G per visionare l’applicazione.

Quali le principali caratteristiche dei sistemi di videosorveglianza wireless?

Interno o esterno ?
Una prima distinzione è da farsi tra telecamere da interno e da esterno.

Le telecamere wireless da interno sono adatte esclusivamente ad ambienti chiusi mentre le seconde sono più resistenti e sono adatte a sopportare pioggia, urti, temperature molto alte o molto basse e intemperie di vario genere.
Wireless o IP ?
Gli impianti possono appoggiarsi a un sistema wireless o possono essere impianti wireless con tecnologia IP e quindi servirsi di un sistema LAN fornendo alla telecamera un proprio indirizzo IP che non andrà a interferire con la rete di casa. Nel primo caso le interferenze con altri dispositivi all’interno della casa o dell’ufficio o con dispositivi del vostro vicino sono frequenti.
Alimentazione dell’impianto

Le telecamere possono essere alimentate sia attraverso un comune cavo elettrico e quindi saranno posizionate accanto a una presa elettrica oppure servirsi della tecnologia PoE (Power Over Ethernet), che lascia passare sia i dati che la corrente necessaria ad alimentare la telecamera. Esistono anche modelli alimentati da batterie che dovrete controllare più di frequente per accertarvi che siano cariche.

Inquadrature

Si può inoltre scegliere il tipo di inquadratura di cui si vuole beneficiare. Esistono telecamere IP statiche con inquadratura fissa e robotizzate, ovvero PTZ (Pan-Tilt-Zoom), che si possono muovere verticalmente ed orizzontalmente e possono anche zoomare l’area inquadrata.

Risoluzione

La risoluzione delle telecamere wireless è compresa tra 390p e 1080p e tra i 640×360 e i 1980×1080 pixel, in base alla fedeltà delle immagini.

Audio

Oltre alle specifiche sopraindicate va valutata anche la possibilità di installare un sistema che consenta di ricevere e trasmettere attraverso un intercomunicatore, utile per accertare più velocemente un’eventuale situazione di emergenza .

Infrarossi

Scegliere una telecamera a infrarossi significa avere una visione nitida anche di notte, soprattutto nel caso di telecamere esterne.

Registratore

Non tutti i kit di videosorveglianza wireless sono dotati di un registratore, quindi per ottenere questa funzione extra potrà essere necessario acquistare una specifica telecamera. Le registrazioni, sia video che audio, possono tornare utili nel caso di assenza prolungata da casa.

Con modelli dotati di una scheda SD o microSD è possibile conservare i dati senza sovraccaricare il vostro PC ma è possibile anche scegliere sistemi che scarichino i dati sul web grazie a un sistema Cloud.

Quali sono i principali tipi di telecamere disponibili ?

Telecamere a Cupola

Disponibili sia per esterno che per esterno, sono le telecamere più discrete. Ne esistono anche modelli da esterno antivandalismo;

Telecamere Compatte

Sono le telecamere di sorveglianza più essenziali e sono dotate di un obiettivo e un alimentatore;

Ideali per gli interni e per piccoli spazi da monitorare.

Telecamere PTZ ( Pan-Tilt-Zoom )

Si tratta di telecamere panoramiche che possono muoversi a destra e a sinistra, in alto e in basso e offrono una visione a 360°;

Aspetti da valutare prima dell’acquisto

Dopo aver preso in considerazione le varie caratteristiche che può offrire un Kit di Videosorveglianza Wireless bisognerà fare delle considerazioni pratiche procedere all’acquisto.

  • Valutate l’ampiezza della portata radio del dispositivo per accertarsi che sia sufficiente a coprire l’intero perimetro del locale che si intende monitorare.
  • Verificate che la trasmissione video e audio su smartphone o tablet sia stabile.
  • Controllate che la risoluzione delle telecamere sia sufficiente a permettere di ingrandire le immagini o di fare screenshot.
  • Accertatevi della conformità dell’apparecchiatura alle certificazioni di legge. Informatevi a proposito delle normative sulla privacy relative ai sistemi di videosorveglianza.

In quali situazioni può risultare utile un sistema di videosorveglianza wireless?

Oltre ad essere uno strumento da affiancare ai normali sistemi antifurto, il kit di videosorveglianza  wireless può essere utile anche nella protezione  dei bambini che giocano o dormono nella loro stanzetta (ci sono sistemi dedicati chiamati babymonitor), oppure nel monitoraggio di posti di lavoro per tenere sotto controllo i vari processi.

Inoltre, risulta utile per verificare falsi allarmi che richiederebbero l’intervento fisico di vigilanza o dello stesso proprietario.

Ti possono interessare:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo e-mail non verrà pubblicato
i campi contrassegnati con * sono obbligatori

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*