Come scegliere la macchina per il caffè

GUIDA-MACCHINE-PER-IL-CAFFE'

Guida ai diversi tipi di macchine per il caffè

Quando si parla di caffè, ognuno ha i propri gusti. Generalmente, però, tutti gradiscono quello del bar, quando è di buona qualità e preparato a dovere. Per questo motivo, avere a casa una macchina che ci consente di preparare un caffè identico a quello del bar è una piacevole comodità, oltre che un risparmio.
In commercio esistono, ormai, moltissimi modelli di macchine per caffè. Bisogna solo trovare quella che, meglio di altre, viene incontro alle proprie esigenze personali.

Macchine per caffè: quanti tipi?

Esistono quattro tipi di macchine per caffè espresso:

  • Manuali
  • A cialde di carta (E.S.E.)
  • A capsule
  • Automatiche e Superautomatiche

Oltre alle macchine per caffè espresso, esistono, poi, delle macchine specifiche per la preparazione del caffè americano, metodo di infusione di origine statunitense e nord-europea, ormai noto ed apprezzato anche nel nostro paese.

Iniziamo dall’espresso, ovvero del caffè all’italiana che tutti conosciamo.

Macchine per il caffè manuali.

Si chiamano così le macchine per caffè dotate di braccetto da riempire a mano con il caffè in polvere ed avvitare alla macchina, come si fa con la moka. Questo lavoro deve essere fatto manualmente, il che implica un certo dispendio di tempo, sia in fase di preparazione che di pulizia. Il risultato è, però, in genere, ottimo, dal momento che ognuno ha la libertà di dosare e pressare il caffè quanto basta per ottenere il risultato desiderato.

Le macchine manuali utilizzano esclusivamente caffè in polvere.

Macchine per il caffè a cialde di carta (E.S.E.).

Questo tipo di macchine per caffè somiglia in tutto e per tutto alle manuali. Al posto del caffè in polvere, si utilizzano, però, delle cialde in carta filtrante, denominate anche E.S.E. (Easy Serving Espresso). Le cialde sono monodose e contengono 7 grammi di caffè, quel tanto che basta ad ottenere rapidamente un espresso perfetto. Lo scopo delle cialde è velocizzare la fase della preparazione, ridurre gli sprechi e rendere più semplice la ripulitura della macchina dopo l’utilizzo.

Macchine per il caffè a capsule.

Forse il metodo di preparazione più semplice e diffuso. Le capsule sono piccoli contenitori in alluminio o plastica, che contengono dosi singole di caffè spesso confezionate in atmosfera protettiva. E’ sufficiente inserire la capsula nella macchina, richiuderla e premere un tasto per ottenere un caffè perfetto.

Una volta usate, le capsule sono spinte automaticamente in un contenitore, all’interno della macchina, che andrà periodicamente svuotato. I principali punti di forza delle macchine per caffè a capsule sono, appunto, la rapidità di utilizzo ed il poco impegno richiesto in fase di pulizia.

Macchine per il caffè automatiche e superautomatiche.

Sono sicuramente le più complesse e costose tra le macchine per caffè, ma sono anche le più versatili. Funzionano principalmente con il caffè in grani, macinandolo sul momento. Come dicevamo prima, costano più delle altre, ma la maggiore spesa iniziale sarà presto compensata dall’acquisto del caffè in grani, assai più economico di quello già macinato.

Ne esistono di complesse, che permettono di regolare e memorizzare “l’altezza” del caffè preferita, o di utilizzare sia caffè in polvere che in grani, in base ai propri gusti. Alcune superautomatiche sono dotate di display, sul quale vengono visualizzate le funzioni attivate e le richieste della macchina (pulizia, aggiunta di caffè/acqua..).

Molte effettuano un risciacquo prima e dopo l’erogazione del caffè, garantendo, così, una perfetta igiene ed un gusto ottimale. Se si esclude lo smaltimento del caffè utilizzato, che viene depositato in un apposito contenitore e la periodica aggiunta di caffè ed acqua, non necessitano di interventi manuali di alcun tipo, neanche per la pulizia.

Aspetti importanti da considerare

Qualunque tipo di macchina per caffè decidiate di comprare, tenete comunque sempre presente che tutte, anche le automatiche, necessitano di interventi periodici di manutenzione, come, ad esempio, la decalcificazione e che sarà, quindi, necessario acquistare a parte lo specifico liquido decalcificante.

Un optional interessante, che non tutte le macchine per caffè hanno in dotazione, è il cosiddetto cappuccinatore, un beccuccio orientabile, che, emettendo una quantità di vapore regolato mediante una manopola, permette la preparazione del cappuccino.

Un aspetto da valutare prima di acquistare una macchina per caffè a capsule è, invece, la qualità ed il costo delle capsule stesse. Le capsule originali, infatti, sono spesso piuttosto costose e la gamma di miscele disponibili abbastanza limitata. La maggior parte delle macchine per caffè a capsule non implicano, però, necessariamente, l’utilizzo esclusivo di capsule originali.

La maggior parte delle macchine per caffè ha le proprie capsule compatibili (accertatevi sempre che lo siano davvero!), meno costose, ma di buona qualità. Il risparmio sarà, così, assicurato e sarà anche possibile sperimentare una gamma più ampia di gusti.

Macchine per il caffè americano.

Parliamo, ora, del caffè americano, o caffè filtro. Le macchine per caffè americano sono dotate di un serbatoio per l’acqua e di una sede, in cui deve essere posizionato il filtro. Il filtro va, poi, riempito con una quantità di caffè proporzionale all’acqua contenuta nel serbatoio. Una pompa aspira l’acqua dal serbatoio e, dopo averla riscaldata, la fa gocciolare nel filtro. Il caffè, così, prodotto, scende nella caraffa sottostante, riempiendola lentamente.

L’operazione dura alcuni minuti, almeno 10.

A livello di manutenzione, le macchine per caffè americano sono simili alle macchine espresso. Anch’esse necessitano di periodica decalcificazione, effettuata con liquido apposito e successivo, abbondante risciacquo. Le decalcificazioni saranno più frequenti se l’acqua è più dura, ovvero contiene più calcare.

Quanto ai filtri, così come le cialde di carta e le capsule, anch’essi vanno smaltiti e non sono riutilizzabili. Spesso, comunque, sono fabbricati in materiale biodegradabile e non hanno, quindi, alcun impatto sull’ambiente.

Infine, se amate l’espresso ma gradite anche il caffè americano, vi interesserà sicuramente sapere che alcuni modelli di macchine per caffè sono in grado di preparare sia l’uno che l’altro. La spesa sarà, forse, leggermente più alta, ma avrete due elettrodomestici al prezzo di uno.

Ti possono interessare:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo e-mail non verrà pubblicato
i campi contrassegnati con * sono obbligatori

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*